• Lombardia & Laghi
  • Veneto
  • Italia
  • Svizzera
  • Mondo
  • Servizi Singoli
Angleria Tours

SULLE ORME DELLA GRANDE GUERRA

1° GIORNO: AQUILEIA

Arrivo ad Aquileia verso le 12:30, visita e degustazione (sostituisce il pranzo) presso una cantina locale. Nel pomeriggio incontro con la guida e visita del più importante centro archeologico dell’Italia settentrionale, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Capitale all’epoca di Augusto, è universalmente nota per la stupefacente estensione dei meravigliosi mosaici. Ovunque gli scavi hanno riportato alla luce i segni dell’antica opulenza, tra case patrizie, terme e piscine. La basilica patriarcale di Santa Maria Assunta è il principale edificio religioso di Aquileia, antica chiesa cattedrale del soppresso patriarcato di Aquileia. Al termine proseguimento con proprio bus in hotel 3/4* situato a Udine . Assegnazione delle camere, cena e pernottamento. 

2° GIORNO: CAPORETTO – CIVIDALE - UDINE

Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza per Caporetto (Slovenia). Posta in posizione strategica nell'alta valle dell'Isonzo, è famosa per la battaglia della Prima Guerra Mondiale che si combatté in queste zone tra il 24 e il 26 ottobre 1917, tra le truppe italiane e quelle austriache, e si concluse con la celebre rotta delle truppe italiane che si dovettero ritirare fino al fiume Piave. Per ricordare gli eventi del primo conflitto mondiale, negli anni Novanta è stato costruito un museo, premiato nel 1993, come “miglior museo d’Europa”. Il sacrario di Sant’Antonio, costruito su un colle, custodisce le salme di 7014 soldati italiani caduti durante la Grande Guerra. Al termine proseguimento per Udine e sosta per il pranzo in ristorante a Cividale del Friuli. Nel pomeriggio visita al Tempietto Longobardo, monumento che custodisce opere d’arte di eccezionale virtù e valore. Proseguimento per Udine e visita guidata della città che, oltre ad essere la storica capitale del Friuli, fu centro di fondamentale importanza durante il primo conflitto mondiale. L’itinerario prevede la sosta di fronte al Liceo Ginnasio Stellini che fu sede del Comando Supremo Italiano fino alla tragica ritirata di Caporetto del 1917 e all’imponente TEMPIO OSSARIO, che custodisce le salme di 21.518 caduti (di cui 5658 ignoti) sui campi di battaglia tra l’Isonzo e il Tagliamento. Proseguimento della passeggiata in centro storico per la visita di Piazza duomo, Castello e Palazzo e tempo permettendo della “Caserma della Julia” sede del Comando Generale delle truppe alpine. Al termine rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

3° GIORNO: GORIZIA - REDIPUGLIA 

Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e trasferimento con bus proprio a Gorizia per la visita della città. Atmosfere di confine e un castello con vista su paesaggi collinari da fiaba. A Gorizia si respira l'atmosfera sospesa tipica di una città di confine: nella piazza Transalpina, fino al 2004 fisicamente divisa da un muro, si passeggia con un piede in Italia e uno in Slovenia. Il castello medievale con il suo incantevole borgo è un vero gioiello: da qui la vista spazia sulle dolci distese di colli e sull'intera città, dove convivono in modo armonioso architetture medievali, barocche e ottocentesche. La borghesia asburgica amava Gorizia e il suo clima mite: non a caso la città era chiamata la "Nizza dell'Adriatico". Tanti i musei da visitare, anche particolari e curiosi, come i Musei Provinciali con il Museo della moda e delle arti applicate, il Museo della Grande Guerra ( incluso nella nostra visita) e la Collezione Archeologica, Il Museo del Medioevo Goriziano all'interno del castello e la Pinacoteca di casa Formentini. La storia della comunità ebraica di Gorizia è raccontata nel Museo Sinagoga Gerusalemme sull'Isonzo di via Ascoli. Sulle alture della città in località Oslavia si trova l'imponente Ossario di Oslavia, che raccoglie le spoglie di soldati italiani ed austro-ungarici caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Fra i molti palazzi storici della Città emergono il Palazzo Coronini Cronberg, Palazzo della Torre, Palazzo Attems Petzenstein e Palazzo Werdenberg - Biblioteca Statale Isontina. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio proseguimento per Redipuglia. Visita guidata del più grande e maestoso sacrario italiano dedicato ai caduti della Grande Guerra. Realizzato sulle pendici del Monte Sei Busi su progetto dell'architetto Giovanni Greppi e dello scultore Giannino Castiglioni, fu inaugurato il 18 settembre 1938 dopo dieci anni di lavori. Quest'opera, detta anche Sacrario "dei Centomila", custodisce i resti di 100.187 soldati caduti nelle zone circostanti, in parte già sepolti inizialmente sull'antistante Colle di Sant'Elia. La struttura è composta da tre livelli e rappresenta simbolicamente l'esercito che scende dal cielo, alla guida del proprio comandante, per percorrere la Via Eroica. In cima, tre croci richiamano l'immagine del Monte Golgota e la crocifissione di Cristo. La visita inizia dopo aver superato la catena del cacciatorpediniere "Grado", una nave austro-ungarica divenuta italiana dopo la fine della guerra. Camminando verso le tombe si percorre la "Via Eroica", ovvero una strada lastricata in pietra delimitata da 38 targhe in bronzo che indicano i nomi delle località carsiche contese durante la Grande Guerra. Terminato questo suggestivo percorso, si arriva alle maestose tombe dei generali, tra le quali spicca quella del comandante della Terza Armata, Emanuele Filiberto Duca d'Aosta che aveva espresso il desiderio di essere sepolto a Redipuglia. Alle spalle si elevano i 22 gradoni (alti 2,5 metri e larghi 12) che, in ordine alfabetico, custodiscono le spoglie dei 39857 soldati identificati. Ogni loculo è sormontato dalla scritta "Presente" e sono raggiungibili grazie alle scalinate laterali che conducono in cima. Al centro del primo gradone si trova l'unica donna sepolta, una crocerossina di nome Margherita Kaiser Parodi Orlando. Arrivati al termine della scalinata e dei gradoni, due grandi tombe coperte da lastre di bronzo custodiscono i resti di oltre 60 mila soldati ignoti. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO: VENZONE – S. DANIELE DEL FRIULI

Prima colazione in hotel. Trasferimento con bus proprio a Venzone. Incontro con la guida e visita della cittadina medievale di Venzone, in cui si ammirerà il Duomo, uno dei monumenti più importanti. Visita della Cappella di S. Michele in cui vengono conservate le mummie che hanno reso celebre il nome di Venzone nel mondo. Al primo piano del cinquecentesco Palazzo Orgnani-Martina, situato nel centro storico di Venzone, è ospitata la mostra permanente "Tiere Motus. Storia di un terremoto e della sua gente". L'esposizione vuole essere uno strumento per testimoniare e mantenere vive nella memoria collettiva le vicende connesse con il devastante terremoto che, il 6 maggio 1976, mise in ginocchio il Friuli Venezia Giulia. Fotografie, video e documenti riguardanti gli aspetti storici, culturali, tecnici e legislativi creano un percorso unico per far conoscere al visitatore i momenti cruciali della storia del terremoto in regione: dalla terrificante giornata del 6 maggio alla ricostruzione. Di particolare i mportanza il video in 3D realizzato dall’Università di Udine che ricostruisce con estremo realismo il crollo del Duomo di Venzone. Questa deliziosa cittadina è nota anche per la lavorazione della lavanda e il suo centro storico è ricco di botteghe che vendono prodotti ottenuti da questa profumata essenza. Al termine proseguimento per San Daniele del Friuli, conosciuta in tutto il mondo per la produzione del prosciutto crudo, la cui accurata preparazione è resa possibile grazie al clima fresco e ventilato della zona. Visita e degustazione del prosciutto in un'azienda locale. Nel pomeriggio con proprio bus partenza per il rientro ai luoghi di origine. FINE DEI SERVIZI

IN ALTERNATIVA

4° GIORNO: RAGOGNA – S. DANIELE DEL FRIULI

Prima colazione in hotel. Trasferimento con bus proprio a Ragogna. Incontro con la guida e visita di questa località situata in posizione strategica sul fiume Tagliamento e che ospita l’importante Museo della Grande Guerra che descrive gli eventi della Grande Guerra nel territorio di Ragogna, San Daniele e Forgaria nel Friuli. Il progetto fortificatorio del Medio Tagliamento, la difesa del Monte Ragogna e lo sfondamento di Cornino, il campo trincerato imperiale, gli itinerari storici sono solo alcune delle tematiche affrontate in 16 pannelli corredati da immagini (storiche e attuali), perlopiù inedite. Il tutto è accompagnato dalla collezione d'oggettistica, formata con reperti ritrovati sugli ex campi di battaglia. Opera d'eccezione è il plastico in rilievo (m 3 x 2) che riproduce il teatro operativo locale, indicando le posizioni fortificate, le trincee, le vie di approvvigionamento e gli opposti schieramenti alla vigilia della Battaglia di Ragogna.  La visita prosegue col castello di Ragogna (secoli VI-XVIII) situato in un magico luogo isolato, immerso nel verde, sul promontorio roccioso che sovrasta il Tagliamento nel tratto tra Ragogna e Pinzano.
Le prime notizie storiche risalgono al VII secolo; i successivi documenti sul castello di Ragogna si hanno a partire dal XII secolo, al tempo dei suoi feudatari, gli Eppestein, duchi di Carinzia. Al termine proseguimento per San Daniele del Friuli, conosciuta in tutto il mondo per la produzione del prosciutto crudo, la cui accurata preparazione è resa possibile grazie al clima fresco e ventilato della zona. Visita e degustazione del prosciutto in un'azienda locale. Nel pomeriggio con proprio bus partenza per il rientro ai luoghi di origine.  

Quota di partecipazione a partire da                                     € 305.00

 

 

INGRESSI A PERSONA DA PAGARE IN LOCO

 

 

Cripte Basilica di Aquileia € 2,50

 

 

LA QUOTA COMPRENDE:

 

PROPOSTA A

-        3 pernottamenti in hotel ottimo 3*/4* a Udine con trattamento HB (incluse bevande: acqua, vino e caffè)

-        2 HD visita guidata (1° e 4° giorno)

-        2 FD visita guidata (2° e 3° giorno)

-        Degustazione in cantina il 1° giorno ed in prosciuttificio il 4° giorno (sostituiscono il pranzo)

-        Pranzi in ristorante bevande incluse 2° e 3° giorno

-        Ingressi Museo Caporetto, Tempietto Longobardo a Cividale, Castello e Museo della Grande Guerra a Gorizia, Museo Tiere Motus e Cappella di S. Michele a Venzone

-        Tasse e servizio

 

PROPOSTA B

-        3 pernottamenti in hotel 3*/4* a Udine con trattamento HB (incluse bevande: acqua, vino e caffè)

-        2 HD visita guidata (1° e 4° giorno)

-        2 FD visita guidata (2° e 3° giorno)

-        Degustazione in cantina il 1° giorno ed in prosciuttificio il 4° giorno (sostituiscono il pranzo)

-        Pranzi in ristorante bevande incluse 2° e 3° giorno

-        Ingressi Museo Caporetto, Tempietto Longobardo a Cividale, Castello e Museo della Grande Guerra a Gorizia, Castello a Ragogna

-        Tasse e servizio

-         

La quota è stata calcolata per un numero minimo di 45 partecipanti